Tutte le novità Apple attese il 27 ottobre tra MacBook Pro, Air, iMac, Mac Pro e mini

Tutte le novità Apple attese il 27 ottobre tra MacBook Pro, Air, iMac, Mac Pro e mini

Tutte le novità che possiamo aspettarci dall’attesa presentazione del 27 ottobre. Per ora non ci sono conferme ma da Cupertino potrebbero arrivare non solo nuovi MacBook Pro e Air, ma anche iMac e altro ancora

Nel momento in cui scriviamo non sono ancora arrivati inviti da parte di Apple alla stampa e Cupertino non ha ufficializzato nulla, ma Re/Codesostiene che il 27 ottobre saranno presentati nuovi Mac. Tra le novità che dovremmo vedere, molto probabili sono nuovi MacBook Pro e MacBook Air ma non dovrebbero mancare anche altre sorprese.

MacBook Pro
L’ultimo aggiornamento dei MacBook Pro risale a maggio del 2015. Le nuove macchine dovrebbero essere più sottili, integrare processori di nuova generazione ma, stando a voci circolate con insistenza nelle scorse settimane, integrare anche il Touch ID per il riconoscimento delle impronte digitali e una barra OLED touch nella parte superiore della tastiera.

schermata-2016-10-19-alle-13-05-21

Oltre a incrementare la sicurezza con il riconoscimento delle impronte ed evitare di inserire password manualmente, la possibile integrazione di Touch ID sui portatili Apple permetterebbe anche di velocizzare gli acquisti online con Apple Pay. Invece la barra OLED Touch sembra permetterà di visualizzare menu, icone e informazioni in base al software in esecuzione su Mac, migliorando e arricchendo l’esperienza d’uso dell’utente, il tutto con grafica e funzioni che possono essere gestiti direttamente dagli sviluppatori via software.

MacBook Air
Anche il MacBook Air dovrebbe essere rinnovato. Secondo le ultime voci, Apple avrebbe intenzione di eliminare dal listino il modello da 11 pollici, proponendo come macchina base il modello da 13″. Tra le possibili novità dei nuovi modelli sicuramente il supporto al collegamento USB Type C, con conseguente sparizione della porta MagSafe, operazione che Cupertino ha già effettuato fin dall’anno scorso sui MacBook 12 pollici che si ricaricano tramite USB-C.

schermata-2016-10-19-alle-13-06-17

Il connettore USB C molto evoluto che permette di eliminare varie porte giacché può essere sfruttato per ricaricare, trasferire dati con la velocità dell’USB 3 e connettere periferiche video o di qualsiasi altro tipo. Dal punto di vista dei progettisti è grande solo un terzo di una normale porta USB 3 e l’utente può inserire spinotti in entrambi i versi, facilitando il collegamento dei dispositivi.

iMac
Gli iMac non sono aggiornati da un anno e anche per la lineup in questione potremmo vedere delle soprese. Anche qui largo a processori di nuova generazione, Thunderbolt 3, USB-C. Da tempo si vocifera di accordi con AMD per l’integrazione delle GPU di ultima generazione; il design dovrebbe invece rimanere intatto.

Nuovi display
Dal 23 giugno Apple non vende più il Display Thunderbolt, monitor che era a listino da quasi cinque anni. Per un breve periodo sono circolate indiscrezioni secondo le quali Apple avrebbe intenzione di proporre un nuovo display con risoluzione 4K o 5K con integrate porte USB-C e Thunderbolt 3. Sono circolate voci che facevano riferimento a un sistema che consentirebbe di sfruttare GPU integrate nello schermo, un sistema che potrebbe essere particolarmente interessante per chi ha un portatile, ma le indiscrezioni sono state successivamente smentite e al momento non è chiaro se Apple ha intenzione o meno di presentare effettivamente un nuovo display.

Mac Pro e Mac mini
Le due macchine in questione sono quelle che, più di tutte, avrebbero bisogno di aggiornamenti. Stranamente non sono circolate voci relativamente a nuove versioni di Mac Pro e Mac mini e non è dato sapere che cosa voglia fare Apple di questi modelli. AMD da tempo propone GPU che potrebbero essere usate su nuovi computer, e anche Intel propone processori che Apple potrebbe usare. Resta da capire se Apple crede ancora in queste macchine che, aggiornate, potremmo ancora avere molto da dire o meglio da dimostrare.

Facebooktwitterlinkedin

Lascia un commento